Fashion Business, Moda — 12 maggio 2015 at 12:56

Roberto Cavalli passa a Clessidra: la maison fiorentina venduta al fondo di Sposito

by

E’ ufficiale. Roberto Cavalli cede la propria maison a ClessidraDopo mesi di indiscrezioni lo scorso 30 aprile è arrivata la conferma: il fondo Clessidra Sgr, la più grande società di investimenti in Italia e private equity fondata da Claudio Sposito darà nuova vita alla maison fiorentina.

Roberto Cavalli                           © FashionUnited

Roberto Cavalli
© FashionUnited

L’operazione siglata ha previsto l’acquisizione di una quota di maggioranza pari al 90% del capitale della maison da parte della società di nuova costituzione denominata Varenne. Il restante 10% continuerà ad essere detenuto dal fondatore Roberto Cavalli. Nell’azionariato di Varenne, società di cui Clessidra detiene la maggioranza assoluta, vantando già un ricco portafoglio con nomi importanti nel fashion system come Buccellati e Harmont & Blaine, sono presenti alcuni co-investitori con quote di minoranza, tra i quali L-Gam, fondo di investimenti internazionale e Chow Tai Fook Entreprises Limited, la holding basata ad Hong Kong controllata dalla famiglia Cheng. Si tratta di un gruppo ben saldo nel mercato della moda dell’area asiatica che potrà aiutare sicuramente la casa italiana a crescere dato che lì la griffe è entrata già da un pò di tempo a far parte delle passioni dei nuovi ricchi, ma ancora è del tutto assente. 

«L’Asia è il mercato più importante per il lusso ed è anche sullo sviluppo in quest’area che vogliamo puntare» dice Trapani. Infatti ci sono ancora molti spazi in cui il brand può svilupparsi come ad esempio nel segmento della moda uomo e degli accessori, ancora poco sfruttati. 

Francesco Trapani e Roberto Semerari ©Fashion Magazine

Francesco Trapani e Roberto Semerari
©Fashion Magazine

Ad assumere la carica di presidente della casa di moda Cavalli è proprio Francesco Trapani, vicepresidente esecutivo di Clessidra, che per oltre 25 anni è stato amministratore delegato di Bulgari, e quindi Ceo della divisione orologi e gioielli di Lvmh. A Renato Semerari, che precedentemente ricopriva il ruolo di Ceo di Guerlain e Ceo e President Europa di Sephora e del Gruppo multinazionale Coty, quotato alla Borsa di New York, entrambe società del gruppo Lvmh, gli viene ora assegnata la carica di amministratore delegato. “Abbiamo voluto fortemente il raggiungimento di questo accordo perché’ crediamo nelle potenzialità di Roberto Cavalli – ha commentato Francesco Trapani – un’azienda dallo stile unico, con un posizionamento con pochi eguali e una riconoscibilità realmente globale. L’identità del brand Cavalli rappresenta una ricchezza che vogliamo preservare, un fattore chiave su cui fonderemo tutti i progetti di crescita internazionale dell’azienda”. 

L’ingresso in Roberto Cavalli Group rappresenta così per Clessidra la prima operazione realizzata attraverso il terzo fondo in gestione, Clessidra Capital Partners 3. Seguendo i principi che caratterizzano la gestione dei precedenti fondi, Ccp 3 sarà principalmente dedicato a investimenti nel mercato italiano. Già nel 2009 la società di private equity si era interessata al dossier Cavalli, ma le trattative si erano arenate sul prezzo. Cavalli stimava infatti che la sua azienda valesse più di un miliardo preferendo così proseguire da solo. Secondo diverse indiscrezioni di stampa il valore di impresa riconosciuto da Clessidra ammonterebbe a 390 milioni di euro. Nella nota congiunta non vengono però forniti i dettagli sul prezzo di vendita.

Roberto Cavalli ed Eva Cavalli © 2015 MONRIF NET S.r.l.

Roberto Cavalli ed Eva Cavalli
© 2015 MONRIF NET S.r.l.

Sono molto soddisfatto di aver portato a termine questa operazione con un partner Italiano che sono convinto saprà valorizzare al meglio quanto ho costruito in una vita – ha dichiarato Roberto Cavalli, fondatore della Maison Fiorentina. – L’apporto finanziario, gestionale ed umano che Clessidra garantirà alla mia azienda consentirà lo sviluppo per affrontare e vincere le sfide che il mercato del lusso in continua evoluzione impone”. 

Per quanto riguarda invece la direzione creativa di Roberto Cavalli questa farà capo d’ora in avanti allo stilista norvegese Peter Dundas. Questi, che fino a pochi mesi fa era al timone di Emilio Pucci, di proprietà di LVMH, non è nuovo nella maison fiorentina. Infatti dopo varie esperienze con Gaultier e Lacroix era approdato già nei primi anni Duemila proprio nell’azienda dello stilista. Questo ha davvero il sapore di un ritorno a casa per me – ha commentato Dundas -. E’ un onore ricevere l’incarico di continuare nell’evoluzione del fantastico, unico mondo Roberto Cavalli e sono incredibilmente eccitato dalle potenzialità di questo marchio straordinario. Non vedo l’ora di cominciare”.
“La scelta di Peter Dundas rappresenta la volontà di proseguire in un percorso di stile che ha ottenuto un grande apprezzamento, innovando nel rispetto della tradizione e del glamour che hanno caratterizzato il mondo Cavalli dalla sua nascita ad oggi”, hanno detto Roberto ed Eva Cavalli.

Peter Dundas, direttore crativo del Gruppo Roberto Cavalli S.p.a © 2015 MONRIF NET S.r.l.

Peter Dundas, direttore crativo del Gruppo Roberto Cavalli S.p.a
© 2015 MONRIF NET S.r.l.

Sfileranno in passerella a Milano a settembre le creazioni dello stilista norvegese, che si occuperà della parte creativa delle linee Donna, Uomo e Accessori e delle licenze, oltre ad essere direttamente coinvolto nelle strategie di comunicazione e di marketing. Un impegno globale il suo, che gli permetterà di riposizionare il marchio creato nei primi anni Settanta da Roberto Cavalli. Un’azienda la sua, che è riuscita a diventare un vero e proprio marchio di riferimento nel segmento del lusso internazionale, con una presenza in tutto mondo grazie ad una rete che oggi conta all’incirca 200 boutique monomarca. Oltre alla prima linea “Roberto Cavalli”, il Gruppo propone la linea casual giovane “Just Cavalli“, la bridge line “Cavalli Class” e la collezione dedicata ai più’ piccoli “Roberto Cavalli Junior“. Tutte queste collezioni, prodotte sia per la donna che per l’uomo, si completano con una vasta gamma di prodotti, realizzati attraverso licenze, che includono tra gli altri borse, occhiali, orologi, scarpe, gioielleria e una linea di profumi. Roberto Cavalli firma inoltre una “Home Collection” che si e’ imposta a livello internazionale, ed e’ attivo nel settore “Hospitality” attraverso i Cavalli Club e i Cavalli Caffe’.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Comments

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Bad Behavior has blocked 220 access attempts in the last 7 days.