Moda — 12 gennaio 2012 at 21:11

From Die Radiolarien to Radiolarian

by

Radiolarian, questo il nome della collezione di Giuliana Mancinelli Bonafaccia , ispirata  al lavoro di Ernst Haeckel, in particolar modo agli organismi unicellulari disegnati da Haeckel  nelle tavole del “Die Radiolarien” del 1862, i Radiolari.

L’approccio creativo che questa brillante designer ha impresso alla propria produzione rifugge classificazioni e stereoti, predicando piuttosto uno stile intuitivo nella ricerca, nell’esplorazione e nella sperimentazione dei materiali che ne riflettono la cifra distintiva.

Ogni singolo pezzo nasce da scelte non convenzionali e uniche nel loro genere, trovando nell’utilizzo di pellami pregiati – tra cui spicca il galuchat, pelle di razza la cui lavorazione risale al periodo napoleonico – una delle note più caratteristiche.

Il suo stile è la perfetta sintesi di contrapposizioni stilistiche:  dettagli architettonici, antichi testi di biologia marina, macro e texture, elementi materici, scultorei, nonché anatomici. L’elaborazione in chiave sintetica degli studi classici e della riflessione sulle forme biologiche degli elementi si arricchisce di ironia e provocazione nella realizzazione di gioielli di sofisticata fattura, dal design originale e moderno.

Forme organichein argento, rutenio nero e smalti policromi creano combinazioni inedite e attuali. Alta gioielleria che parte dalla ricontestualizzazione dei minerali sposati diligentemente ai diamanti, agli zaffiri e alle  pietre preziose che, come una “cornice”, stravolgono  l’immagine classica delle pietra da gioielleria.

Ogni singolo pezzo è il frutto di una lavorazione artigianale esclusivamente Made in Italy,  caratterizzata da una profonda cura del dettaglio seguito nella produzione dalla scelta di ogni singola pietra, nella creazione del prototipo, sino alla realizzazione finale del gioiello,  concepito come pezzo unico in edizione limitata.

La collezione sarà presentata il 31 gennaio dalle 19.00 in Via del Corallo, 19 a Roma in una spettacolare performance realizzata dai Quiet Ensemble .

Note Biografiche

La designer Giuliana Mancinelli  Bonafaccia  scopre l’interesse per la gioielleria e l’oreficeria mentre studia e lavora nel campo dell’architettura e dell’interior-design, una passione, frutto di una sempre più assidua applicazione e conoscenza, che la porta ben presto a frequentare i noti corsi di gemmologia dell’IGI di Anversa in “Colored Stones Identification”, “Colored Stones Grading and Evaluation” and “Pearls Grading and Evaluation”, e si concretizza nel 2007 con la creazione della sua linea di gioielli.

Nell’Ottobre 2010 i suoi gioielli sfilano in occasione della manifestazione “Roma Fashion White” con il patrocino di Altaroma e nel Luglio 2011 appaiono nel fashion film “Academy Girl”, scritto e diretto da Angelo Cricchi e Silvia Morani, prodotto dall’Accademia di Costume e Moda e presentato durante la settimana di AltaRoma AltaModa.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Comments

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Bad Behavior has blocked 587 access attempts in the last 7 days.