Guggenheim-Museum_image_ini_620x465_downonly

Un film e un paio di occhiali, per omaggiare Peggy Guggenheim

Guggenheim-Museum_image_ini_620x465_downonly

Carismatica, eccentrica, dalla bellezza non convenzionale, stiamo parlando della donna dell’arte, parliamo di Peggy Guggenheim!

Una vita dedicata alla sua più grande passione, quella che le ha dato l’opportunità di venire a contatto con le personalità artistiche di spicco del suo tempo e che le ha fatto vivere appassionanti storie d’amore. Dopo quasi quarant’anni dalla sua morte è giunto nelle sale il docu-film che racconta la sua vita, Peggy Guggeheim:Art Addict. A dirigere tale progetto è Lisa Immordino Vreeland, moglie del nipote del mitico direttore di Vogue America, Diana Vreeland. La Immordino è l’autrice dello stesso film Diana Vreeland: The Eye has to travel, e ancora una volta sceglie una personalità di grande spessore, un’appassionata collezionista e mecenate. Punto di partenza del regista sono quegli occhiali un po’ bizzarri creati per Peggy dallo stesso Edward Melcarth, quegli occhiali ad ali di farfalla che diventeranno la sua firma e l’espressione della sua filosofia. Incipit non solo del docu-film a lei dedicato, ma anche per Safilo che vent’anni dopo aver reso omaggio all’iconico occhiale, proponendone un remake nel 1984, oggi per festeggiare l’80esimo anniversario dell’azienda, produce una nuova limited edition in acetato blu, con lenti specchiate, in tono e profili a contrasto brown.

Unknown

 «Con il docu-film Peggy Guggenheim: Art Addict raccontiamo in modo divertente la sua storia celebrando il suo talento. Indossando questo modello, rivisitato da Safilo, dei suoi iconici occhiali a farfalla, chiunque potrà entrare nel mondo di Peggy Guggenheim e nella sua storia condividendo la sua visione», afferma Lisa Immordino Vreeland, regista del film distribuito da Feltrinelli Real Cinema e Wanted. Un ritratto dell’ereditiera e collezionista d’arte è quello che il film propone, un salto nella vita caleidoscopica di una donna straordinaria che ha fatto della propria passione uno stile di vita.

«Delle varie foto della Guggenheim quelle in cui indossa gli occhiali di Melcarth sono le mie predilette perché enfatizzano la sua forza di carattere», aggiunge ancora la regista. Respirava, mangiava e viveva arte Peggy Guggenheim, che nel 1938, a soli quarant’anni apre una propria galleria d’arte, la Guggenheim Jeune. La sua carriera influenzerà profondamente l’arte dell’ultimo dopoguerra e grazie alla conoscenza di illustri artisti del tempo che la giovane Peggy avrà modo di aprirsi alle straordinarie forme artistiche che impregnavano il contesto culturale del quale faceva parte. Fu Samuel Beckett a spronarla affinché nascesse in lei un interesse per l’arte contemporanea, mentre Marcel Duchamp le insegnerà, quello che la stessa Peggy definirà “la differenza tra l’arte astratta e surrealista”.

9732

Per prima espose a Londra Vasily Kandinsky, mentre la sua prima mostra fu dedicata a Jean Cocteau. Colleziona opere, determinata ad “acquistarne una al giorno”, poiché il suo più grande sogno era quello di aprire un museo che includesse tutta la sua collezione. Quel sogno si avvera e nell’ottobre del 1942 inaugura la sua galleria/museo Art of This Century. «Indossai un orecchino di Tanguy e uno di Calder, per dimostrare la mia imparzialità tra l’arte surrealista e quella astratta», ricorda la Guggenheim di quella sera. Ma il carisma di Peggy non si fa attendere in Europa, dove nel ’48 acquista Palazzo Venier dei Leoni a Venezia. Qui espone le sue collezioni e dà sostegno ad artisti europei, grazie alla quale riescono a farsi strada nell’intricato mondo dell’arte. In questo splendido museo, ancora oggi è possibile ammirare la più straordinaria collezione d’arte europea ed americana del XX secolo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Comments

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>