home, Moda — 10 febbraio 2014 at 14:25

Un talento WION: Arthur Arbesser presenta la collezione A/I 2014 ad AltaRoma

by

“La moda è una cosa leggera in grado di rendere la tua vita molto più bella, una cosa importante per molte ragioni ma che comunque non va presa troppo sul serio: è qualcosa che ti rende molto felice, proprio come una meringa con il gelato”. 

arthur-arbesser-portrait

E’ così che Arthur Arbesser definisce la sua passione, quella per la moda, tanto amata fino al punto di decidere compiuti i 30 anni di lasciare un ruolo sicuro di fashion designer in casa Armani per intraprendere un viaggio da solo per creare il suo di brand, che porta il proprio nome. Determinazione, risolutezza e sopratutto il suo talento sono stati premiati, tanto da riuscire a fondare il suo marchio in meno di un anno.

A fine 2012, Arthur Arbesser è la nuova linea womenswear che in pochi mesi e appena due collezioni, ha portato il fashion designer a vincere la nona edizione, ex equo con Esme Vie, di Who Is On Next? il più importante concorso di scouting italiano organizzato da AltaRoma in collaborazione con Vogue Italia, dove è stato premiato per il ready to wear, grazie alla sua capacità di interpretare un’attitudine contemporanea attraverso forme ed alternanze di tessuti, in un mixage che ha dato vita ad uno sportwear fatto di comodità e ricerca.

Arthur-Arbesser-Runway-AltaRoma-AltaModa-fall-winter-2014-2015

Nato e cresciuto a Vienna, immerso sin da piccolo nella cosmopolita cultura austriaca, il percorso creativo di Arthur è segnato da alcuni momenti fondamentali che lo hanno portato dall’Austria a Londra, dove ha studiato fashiondesign nella prestigiosa Central Saint Martins, e dalla capitale inglese a Milano, dove ha preso contatti con le grandi maison di moda lasciando ad ognuna il lookbook della collezione finale per la Saint Martins, finito in mano a Giorgio Armani che lo ha immediatamente assunto. E’ il 2005 quando entra a far parte dell’entourage di Re Giorgio e per sette lunghi anni Arthur apprende conoscenze e competenze, che come non mai in questo momento si rivelano utili per gestire il suo brand in prima persona.

Arthur-Arbesser-Runway-AltaRoma-AltaModa-fall-winter-2014-2015

Dopo la vittoria del concorso Who Is On Next? Arthur Arbesser è tornato a sfilare nella città che lo ha consacrato, durante gli eventi della XIV edizione di AltaRoma, portando sulle passerelle capitoline la collezione autunno inverno 2014-2015. E’ un viaggio indietro nel tempo la sua terza collezione, che ci porta a ripercorrere gli anni di studio londinesi. Contaminazioni dello street style inglese e delle culture giovanili, la spregiudicatezza delle controculture e le notti nei Club si fondono come inesorabili metafore delle sue creazioni.

Londra, Vaticano, militare, Joy Division, amori non corrisposti, gang di ragazzi pericolosi, una giovane Diane Keaton e grafiche primi anni ’80, sono la chiave di volta della sua collezione. Una fusione di stili che danno vita ad una serie di capi che mettono in risalto la visione androgina della donna cui il designer viennese resta ancorato.

Arthur-Arbesser-Runway-AltaRoma-AltaModa-fall-winter-2014-2015

Forme nette e decise, chiare, mascoline e potenti, quelle per la donna Arbesser, ma allo stesso tempo morbide e sognanti. “Mi ispiro spesso alle architetture cittadine, magari prendendo spunto da un portone – dichiara Arthur – […] e poi le riporto sui miei abiti, che sono molto lineari. Rendono così portabili le stampe estrose e particolari che amo e che sono uno degli elementi distintivi del mio stile, perché solitamente queste linee sono legate a toni neutri”. A ispirare Arbesser non è solo il mondo della moda, ma sono particolarmente il teatro, l’opera, la musica e l’arte. “Un elemento ispira l’altro, è un lavoro in continuo divenire, – afferma lo stilista – anche se so sempre dall’inizio cosa voglio mandare in passerella, e di solito alla fine è sempre così […]”. 

Arthur-Arbesser-Runway-AltaRoma-AltaModa-fall-winter-2014-2015

Un gioco di linee sartoriali molto marcate e trasparenze femminili sottolineano la linea di Arbesser, dallo spiccato accento su stampe e superfici. I tessuti per lo stilista sono un altro elemento che lo caratterizzano per eccellenza. Sempre speciali e con quel tocco in più, la luce e la lavorazione speciale, che rende unici gli abiti dai tagli puliti. Mix and match azzardato per i materiali coniugati assieme dove il Loden made in Austria si sposa con il faux astrakhan e il cavallino, le organze di seta trasparenti abbracciano i materiali tecnici gold glitter.

Ancora una volta a premiare è stato l’estro, l’idea dietro il concetto espresso da un artista eclettico come Arbesser, che ha creato silhouettes fresche utilizzando materiali inaspettati, portando in scena una collezione relativamente nostalgica, dove la voglia di riportare in luce ricordi dolcemente malinconici legati allo sforzo di crescere si fonde con la volontà di scoprire la propria identità.

Arthur-Arbesser-Runway-AltaRoma-AltaModa-fall-winter-2014-2015

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Comments

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Bad Behavior has blocked 587 access attempts in the last 7 days.