Moda — 7 gennaio 2016 at 20:36

Quale stagione sfila? Rivoluzione in vista per le settimane della moda

by
Smartphone in passerella alla New York Fashion Week (Photo: Albert Urso/Getty Images)

Smartphone in passerella alla New York Fashion Week (Photo: Albert Urso/Getty Images)

Ammettiamolo: febbraio si avvicina, con lui arriveranno le settimane della moda e alla domanda “quale stagione sfila?” un brivido di impreparazione corre lungo la schiena.

I veri feticisti del fashion avranno già storto il naso e risposto immediatamente “l’Autunno/Inverno 2016/2017, è ovvio”, ma il ben più ampio bacino dei non addetti ai lavori potrebbe non essere così competente.

Se i frequentatori abitudinari delle sfilate sanno bene che, nel caso delle collezioni donna, la stagioni presentate sono sfalsate di sei mesi rispetto a quelle reali (con la Primavera/Estate in passerella a settembre/ottobre e l’Autunno/Inverno, per l’appunto, a febbraio/marzo), il pubblico meno addentro alla materia è spesso perplesso per tale dissincronia.

È forse questo uno dei motivi che ha spinto il Council of Fashion Designers of America (CFDA) ad iniziare i lavori per far sì che presentazioni di collezione e stagioni reali coincidano. Una rilevante conseguenza sarebbe la quasi immediata messa in vendita dei capi visti in passerella.

La presidente del CFDA Diane von Furstenberg (Photo: Patrick Demarchelier)

La presidente del CFDA Diane von Furstenberg (Photo: Patrick Demarchelier)

La stilista Diane Von Furstenberg, presidente del CFDA, ha infatti incaricato lo studio di consulenza Boston Consulting Group di effettuare, proprio questa stagione, una ricerca sulla possibile influenza che un cambiamento nel calendario del prêt-à-porter potrebbe avere su mercato e pubblico. Questo partendo dal presupposto che, grazie alla realtà odierna di social media come Instagram, i vestiti sono in rete non appena le modelle mettono piede fuori dalle quinte, e i seguaci dei brand si domandano come mai possano acquistarli solo dopo sei mesi.

«Ci sono stilisti, commercianti, tutti a lamentarsi degli show. – Ha dichiarato la von Furstenberg. – A causa dei social media qualcosa non funziona più, le persone sono confuse.» La stilista ha poi aggiunto:«Abbiamo qualche idea. A tutti sembra che avere delle presentazioni orientate al consumatore sia un’ottima soluzione.»

Il presidente della Camera Nazionale della Moda Carlo Capasa (Photo: Crisalidepress)

Il presidente della Camera Nazionale della Moda Carlo Capasa (Photo: Crisalidepress)

A quanto pare, però, tutta questa concordanza non si è estesa oltre oceano. Carlo Capasa, presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana, ha dichiarato: «[…] agire in questi termini significherebbe sposare una visione principalmente marketing oriented. In secondo luogo, si ingenererebbe una perdita di appeal dei brand emergenti, impossibilitati ad aggredire il mercato in questo modo dall’assenza di un’adeguata struttura industriale alle spalle».

Di una struttura industriale c’è di sicuro bisogno: l’anticipo di sei mesi delle presentazioni di collezione è soprattutto dovuto alle tempistiche di produzione di abiti e accessori una volta selezionati da critici e (soprattutto) compratori. Se una delle opzioni prospettate dal CFDA andasse in porto, questo processo sarebbe mantenuto grazie a minimaliste anteprime in showroom ad uso esclusivo di stampa e buyers, mentre al grande pubblico sarebbe riservato, a stagione in corso, lo spettacolo dei runway shows. Con buona pace dei detrattori di Chanel e delle sue mastodontiche realizzazioni.

Tentativi di percorrere queste strade sono già in atto: dopo la chiacchieratissima sfilata di Givenchy aperta a 800 fortunati, Rebecca Minkoff ha deciso, per l’imminente settimana della moda di New York, di mandare in passerella la sua collezione primavera/estate di fronte ad un pubblico costituito in larga parte da consumatori. Diametralmente opposta è invece la scelta del londinese Thomas Tait, vincitore lo scorso anno del LVMH Young Fashion Designer Prize, il quale opterà per presentazioni su appuntamento con soli stampa e buyers.

Rebecca Minkoff e Thomas Tait: due nuovi modi di concepire la sfilata.

Rebecca Minkoff e Thomas Tait: due nuovi modi di concepire la sfilata.

Orientato al marketing o al consumatore che sia, è ormai innegabile che il mondo dei défilé stia attraversando un periodo di piena rivoluzione. L’ipotesi del CFDA potrebbe avvicinare ai ritmi dei social, ma anche nascondere lo spettro – se così lo si può definire – del fast fashion (con Zara ed H&M in testa), un’industria per il pubblico assetato di novità, ma che spesso confonde la velocità dell’ottenere gli abiti desiderati con la ricerca e la qualità degli stessi, principi che invece fondano il prêt-à-porter di lusso.

E che dire del senso della sfilata in sé? Da santuario del gotha della moda a puro evento-spettacolo, una sua mondanizzazione sarà abbastanza attraente dal punto di vista commerciale per abbattere i costi già ingenti? 

I prossimi mesi potrebbero fornire qualche risposta, o chissà, magari altri interrogativi. Resta il fatto che l’emozione del silenzio prima della passerella illuminata è difficile da dimenticare.

Atmosfera di attesa per lo show di Lanvin. (Photo: Getty)

Atmosfera di attesa creata da Etienne Russo per Lanvin. (Photo: Getty)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Comments

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Bad Behavior has blocked 340 access attempts in the last 7 days.