Fashion ID — 18 giugno 2013 at 10:10

Fashion ID #17 | Giuliana Mancinelli Bonafaccia

by
Nella foto, la designer Giuliana Mancinelli Bonafaccia

Nella foto, la designer Giuliana Mancinelli Bonafaccia

SOUNDTRACK: Sigur Rós – Saeglópur
Uno stile ironico e mutevole quello della designer romana Giuliana Mancinelli Bonafaccia, una passione per gli accessori che porta la giovane studentessa di architettura a frequentare le più prestigiose scuole di gemmologia ad Anversa fino alla creazione, nel 2007, della prima linea di gioielli. Continua sperimentazione dei materiali e di pregiati pellami, uno per tutti il galuchat, pelle raffinata già utilizzata ai tempi di Luigi XV, e l’irriverente creatività rendono la griffe unica e riconoscibile. La filosofia stilistica di Giuliana Mancinelli Bonafaccia tende a fondere dettagli architettonici, elementi materici, scultorei, anatomici, guardando alla fotografia e alla biologia marina dal design contemporaneo le cui forme organiche in argento, rutenio nero e smalti policromi creano una miscellanea di combinazioni inusuali. Minerali, pietre preziose, gemme sono il framework costante e avanguardista in cui la giovane designer cala il suo universo stilistico in un mood a tratti surreale. Lavorazioni rigorosamente Made in Italy, dalla scelta dai materiali alla realizzazione di pezzi unici e raffinati in bilico tra percezione e sperimentazione dove la policromia esalta creazioni eleganti e dall’insolito appeal.

Durante l’edizione gennaio 2012 della kermesse capitolina AltaRoma AltaModa, la designer romana presenta nel calendario degli eventi collaterali, con la collaborazione creativa degli audiovisual performers Quiet ensemble, il Progetto Radiolarian, una performance multisensoriale in cui la nuova collezione di accessori, anelli, collane, bracciali, ispirata al lavoro sugli organismi unicellulari di Ernst Haeckel, si basa su un’equilibrata alchimia tra forma e materia, con richiami all’architettura  e alla biologia marina con elementi  scultorei e anatomici. Una coreografia di luci e ombre accompagna la presentazione della collezione, gioielli che emanano energia generando suoni, immagini proiettate sui corpi delle mannequin colorano uno spazio mutevole e dal forte impatto emozionale e visivo.

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Nel luglio 2012, durante l’edizione estiva di Alta Roma Alta Moda, Giuliana Mancinelli Bonafaccia presenta la capsule collection “Hyparhedra” e prende parte al progetto Room Service, evento volto a presentare i nuovi talenti della tradizione artigiana e sartoriale italiana, curato da Simonetta Gianfelici. Per Hyparhedra la designer parte dagli studi sulla carta effettuati alla fine degli anni 20’ nel laboratorio “Vorkus” di Josef Albers Bauhaus e le trattazioni empiriche sulla natura di Ronald Resch degli anni 60’-70’. Questioni strutturali e volte alla costruzione di gioielli unici vengono capovolte dalla designer nella realizzazione di forme complesse e gioielli scultorei, opere iconiche in cui muta il concetto di incastro attraverso il ricorso costante ai materiali grezzi. Pelle, argento e carbonio, quest’ultimo utilizzato perché evoca le caratteristiche di leggerezza della carta ma è al contempo contraddistinto dalla forte robustezza meccanica, dominano l’intera collezione in cui è forte l’influenza architetturale.

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Nella basic collection Origo, Giuliana Mancinelli Bonafaccia torna alle origini e presenta negli eventi collaterali di Alta Roma Alta Moda il suo stile inconfondibile che si concretizza in una filosofia estetica minimal e dalle strutture semplificate adatte alla quotidianità. Scarabei, piramidi, frecce e borchie in argento bagnato nel rutenio nero raccolgono l’eredità delle collezioni Anamorphosis e Radiolarian. La palette cromatica spazia dal nero, al cuoio per passare al bronzo e al turchese che colorano materiali non convenzionali come la pelle stampata effetto razza. Ecco bracciali unisex, singoli o doppi, per tutte le occasioni,intrecciati in pelle nera,  impreziositi da scarabei e punte a freccia. Orecchini e gemelli come spine nascono sui lobi delle orecchie e sui polsini.

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Giuliana Mancinelli Bonafaccia. Courtesy of Press Office

Tra artigianalità Made in Italy e attenta ricerca dei materiali, così come per gli studi su forme e strutture che ispirano le sue originali collezioni e i suoi gioielli, il talento creativo di Giuliana Mancinelli Bonafaccia è il lato innovativo dell’accessories design contemporaneo. Collezioni che guardano al futuro conservando le lavorazioni handmade, vero patrimonio indiscusso dell’alto artigianato italiano.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Google+ Comments

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Bad Behavior has blocked 1035 access attempts in the last 7 days.